­
PG_collection

Condividiamo una passione.
Disegniamo il futuro.
#disegniamoilfuturo


Florim incontra il mondo dell’arte e del design


Florim incontra il mondo dell’arte e del design
Florim incontra il mondo dell’arte e del design
26 aprile 2016

Florim rilancia CEDIT, una produzione di alta gamma che darà vita ad originali dialoghi espressivi con il mondo dell’arte e del design contemporaneo.


Lo storico marchio è stato un punto di riferimento unico nel suo genere, proponendo soluzioni di decoro e di resa cromatica del tutto inedite nell’architettura d’interni, sviluppate grazie anche alla lunga e fruttuosa collaborazione con alcuni tra i più importanti artisti, architetti e designer della propria generazione. Le storiche collezioni portavano la firma di figure di spicco come Marco Zanuso, Ettore Sottsass, Alessandro Mendini, Sergio Asti, Emilio Scanavino, Mimmo Rotella, Gino Marotta – artefici di un vero e proprio standard creativo di altissimo livello – e sono state affiancate da preziose realizzazioni di singoli complementi d’arredo ceramici disegnati da maestri quali Achille e Pier Giacomo Castiglioni, dal Gruppo Dam e, ancora, da Ettore Sottsass.


Sinonimo per oltre cinquant’anni di sperimentazione materiale e ricerca stilistica in ambito ceramico, Cedit – Ceramiche d’Italia torna ad essere protagonista del Made in Italy con una nuova stagione espressiva, frutto della collaborazione con alcuni tra i più prestigiosi nomi della creatività italiana contemporanea.


In occasione della Milano Design Week, i locali in via di trasformazione dello Spazio Cedit (Foro Buonaparte 14) hanno fatto da cornice a due serate esclusive dedicate all’anteprima di lancio delle prime sei composizioni espressive, firmate da altrettanti Autori. I Sei Diorami – questo il nome delle installazioni artistiche – identificano il lavoro creativo ed espressivo di Barbara Brondi & Marco Rainò | BRH+, Marco Casamonti | Archea Associati, Giorgio Griffa, Franco Guerzoni, Matteo Nunziati, Giorgia Zanellato & Daniele Bortotto | Studio Zanellato Bortotto.


Un viaggio tra tessuti, simboli, erosioni, materie e memorie raccontato attraverso lo sguardo e la creatività di artisti e designer, eccellenze italiane nel mondo appartenenti a generazioni differenti. Universi nascosti che emergono in letture e reinterpretazioni personali innovando l’idea di spazio architettonico, il senso del luogo e del tempo, dell’abitare.