­
PG_collection

Condividiamo una passione.
Disegniamo il futuro.
#disegniamoilfuturo


Bike Passion. Dagli album Campari una storia a due ruote @ Galleria Campari


Bike Passion. Dagli album Campari una storia a due ruote @ Galleria Campari
22 maggio 2017

In occasione della tappa finale del 100° Giro d’Italia, che domenica 28 maggio 2017 sfila davanti agli Headquarters a Sesto San Giovanni, Galleria Campari apre un diario di viaggio dedicato al ciclismo, raccontando un importante capitolo della storia Campari, brand testimone dei cambiamenti di costume del nostro Paese.

La mostra prende avvio da una trentina di fotografie d’epoca, che ripercorrono l’arco temporale dagli anni Trenta agli anni Sessanta, in cui il marchio ha seguito ciclisti del calibro di Coppi, Girardengo, Cinelli, Moser, Anquetil, Baldini, Gaul, Magni nel Giro d’Italia (1938, 1939, 1955) nel Giro dei Tre Mari del 1938 e nel Gran Premio di Lugano (dal 1955 al 1961), diventando, da sponsor delle manifestazioni, compagno delle imprese di una delle discipline sportive più onorate al mondo.

Sono esposte inoltre grafiche pubblicitarie originali, firmate da Franz Marangolo (1912-1995) e da altri autori degli anni Cinquanta e Sessanta, in cui il fil rouge è sempre l’immagine della bicicletta, contestualizzata nella vita quotidiana e rappresentata anche in otto sorprendenti silhouette di Ugo Mochi (1889-1977) degli anni Venti.

La mostra volge anche uno sguardo complice al grande passato di questo mezzo, ed è arricchita da un esemplare storico di fine Ottocento, prestito del Museo Nicolis – Verona.

Il viaggio, lungo quasi un secolo, approda poi nel presente, dando vita a un dialogo con il gesto artistico e sportivo contemporaneo, grazie alla collaborazione con Antonio Colombo, collezionista e Presidente di Cinelli, azienda leader nell’universo delle due ruote e del design ciclistico. Arricchiscono infatti l’esposizione nove biciclette d’artista firmate da designer quali: Alberto Biagetti, Stevie Gee, Max Lamb, Alessandro Mendini, Studio Alchimia, Barnaba Fornasetti, Barry McGee, Sergio Calatroni, Death Spray.

Una sezione del percorso espositivo sarà infine dedicata al mito della bicicletta nel cinema (in collaborazione con MIC- Museo Interattivo del Cinema di Milano) e nella letteratura. Sarà quindi possibile scoprirla e riscoprirla come mezzo di trasporto e come veicolo mutante che racchiude in sé dinamicità e arte, tecnologia e creatività.

La mostra esprime al meglio la duplice vitalità di Campari: realtà con una lunga tradizione e sempre capace di “girare” al ritmo del suo tempo, all’insegna di innovazione e sperimentazione.


La mostra si terrà dal 24 maggio al 28 luglio 2017 presso


Galleria Campari

HQs Gruppo Campari

Viale Gramsci 161

Sesto S. Giovanni (MI)

T. 02 62251

galleria@campari.com

www.campari.com

www.camparigroup.com


*L’iniziativa non è organizzata dalla Collezione Peggy Guggenheim.

Per maggiori informazioni contattare la Galleria Campari.