­
PG_collection

Condividiamo una passione.
Disegniamo il futuro.
#disegniamoilfuturo


Corporate Social Responsibility
Arte, economia e impresa al Salone della CSR 2019. Investire in cultura conviene?


Arte, economia e impresa al Salone della CSR 2019. Investire in cultura conviene?
Arte, economia e impresa al Salone della CSR 2019. Investire in cultura conviene?
Arte, economia e impresa al Salone della CSR 2019. Investire in cultura conviene?
Arte, economia e impresa al Salone della CSR 2019. Investire in cultura conviene?
31 ottobre 2019

L’1 e 2 ottobre si è svolta, all’Università Bocconi di Milano, la settima edizione del “Salone della CSR. I territori della sostenibilità”. Il Salone, appuntamento che si tiene annualmente, è il più importante evento in Italia dedicato alla sostenibilità e alla responsabilità sociale d’impresa ed ha l’obiettivo di riunire aziende e organizzazioni che credono nel cambiamento, promuovere lo scambio e tracciare un percorso condiviso verso un futuro sostenibile.

La Collezione Peggy Guggenheim è stata invitata a partecipare al panel “Arte, cultura e impresa: investire in cultura conviene” per approfondire i benefici che il mondo aziendale e il museo traggono dal reciproco scambio di idee, competenze ed esperienze. È stata l’occasione per confrontarsi con oltre 500 “ambasciatori della sostenibilità”, 400 relatori e 216 organizzazioni coinvolte. Raccontando il programma di corporate membership del museo, la PGC ha condiviso con i partecipanti la propria visione.

Da un lato, il museo preserva il patrimonio che Peggy Guggenheim collezionò con spirito d’avanguardia e si propone quale spazio d’incontro e di scambio aperto alle diversità e all’approfondimento dei temi urgenti del nostro tempo, perché dalla conoscenza dell’arte e del processo creativo si possa comprendere e interpretare il presente con pensiero critico.

Dall’altro, le aziende che scelgono di sostenere il museo, investono a lungo termine sulla cultura e sulla sua diffusione e attuano delle politiche di responsabilità sociale. I vantaggi possono essere di varia natura, di comunicazione, culturali e di coinvolgimento dei propri stakeholder. Oltre ai benefit come ingresso omaggio, utilizzo degli spazi per ospitare eventi aziendali, visibilità e reputazione, è altrettanto significativo il valore che le aziende creano sostenendo la Collezione Peggy Guggenheim, rendendo possibili mostre e attività dal forte impatto sociale e alle quali gli stessi stakeholders dell’azienda possono prendere parte in prima persona, facendo esperienza diretta dell’arte come mezzo per riflettere sul mondo contemporaneo.

Negli anni il museo ha collaborato con numerose realtà attive sul territorio locale, nazionale ed internazionale sviluppando attività e programmi gratuiti aperti alla cittadinanza tra i quali rientrano: visite guidate e attività rivolte al pubblico di non vedenti, ipovedenti e vedenti in chiave inclusiva; laboratori per bambini e famiglie; giornate di formazione per insegnanti sui temi del plurilinguismo, delle competenze interculturali e dell’abbattimento degli stereotipi, programmi inclusivi per l’apprendimento della lingua italiana per stranieri.

Ai Public Program si aggiungono le attività di ricerca scientifica e lo studio, la sperimentazione di nuovi materiali e tecniche di restauro che negli anni hanno portato a collaborare con enti accreditati come l’Opificio delle Pietre Dure e Laboratori di Restauro di Firenze, il CNR e alcuni importanti altri musei internazionali, come nel caso del recente restauro di alcune opere di Jackson Pollock e Marcel Duchamp.

Infine, il museo si impegna da sempre a coinvolgere ogni anno circa 200 studenti provenienti dalle principali università del mondo, una comunità di giovani appassionati d’arte e di creatività, che riempiono le sale della Collezione e accompagnano i visitatori in percorsi immersivi nella casa di Peggy Guggenheim.

Il Salone della CSR è stato dunque un momento prezioso per condividere con altre realtà e organizzazioni italiane la visione della Collezione Peggy Guggenheim e ribadire il valore sociale dell’arte.
Il panel Arte, economia, impresa: investire in cultura conviene,  ha permesso di portare al centro del dibattito sulla responsabilità sociale di impresa l’arte e la cultura, testimoniando, attraverso la condivisione di esperienze diverse, il ruolo chiave che l’investimento in cultura ricopre nella strategia dell’impresa non solo in termini di performance aziendale e competitività sul mercato, ma anche e soprattutto di impatto sulla società.

 


© Roberta Ruggiero